Pif 2017, un`edizione scoppiettante

Pif

Simbolo, cuore e orgoglio della città che ne è patria produttiva, la fisarmonica suona la 42^ edizione del PIF: una settimana di eventi gratuiti, decine di concerti, centinaia di concorrenti e ospiti provenienti da quattro continenti, attrazioni che dimostrano la vitalità di un settore che traina l’export del territorio e la versatilità di uno strumento uscito dal limbo del folklore per affermarsi nelle combinazioni artistiche più varie. Nel vortice di nomi ed ospiti, due si impongono all’attenzione generale: quello del noto comico, conduttore ed attore Dario Vergassola, che mercoledì 13 va alla conquista di piazza della Repubblica e quello dell’icona Astor Piazzolla, il cui genio viene omaggiato sabato 16 al teatro Astra con gli straordinari suoni e colori dei sette musicisti e due coppie di ballerini del Mastango.

Il Pif è un fiore all’occhiello custodito con cura nel tempo, che oggi tocca vertici assoluti in termini di proposte, partecipanti e qualità”, spiega il sindaco Roberto Ascani lucidando un gioiello che continua a rinnovarsi ed ampliarsi, grazie all’intenso percorso promozionale coordinato con l’assessore Ruben Cittadini volto a “crescere culturalmente, incentivando sempre più integrazione e condivisione”. Il nucleo storico del Premio&Concorso in scena da giovedì a domenica, è infatti sostenuto da un palinsesto che porta il Pif around nei Comuni limitrofi che hanno fatto la storia della fisarmonica (Loreto, Numana, Recanati, Camerano da sabato a martedì), da concerti all’alba e al tramonto (domenica, Parco del Monumento), da concerti aperitivo (venerdì, sabato e domenica), serate di gala, attrazioni a tema per i bimbi (laboratori, lezioni gratuite, merende offerte da Sì con Te), jam session, animazione nei locali del centro storico, mercatino di hobbisti, una esuberante Notte della musica (sabato), una festa di chiusura (domenica) in piazza a base di prodotti tipici e dalla possibilità di esibirsi liberamente nell’isole sonore dei sound art corners. E ci sarà persino un "Pifbus", un autobus storico anni `70 che ospiterà solisti e in duo.

PREMIO&CONCORSO – Le iscrizioni registrano numeri imponenti, che si traducono in 279 concorrenti da 32 Nazioni, distribuiti su 12 categorie, di cui sette a respiro classico, tre di musica leggera e jazz, due dedicate alla World music. “Si conferma l’appeal della nostra rassegna che con l’introduzione del jazz e dei solisti di world music ha calamitato grande interesse”, spiega il direttore artistico Christian Riganelli, che ha individuato una giuria a sua volta internazionale presieduta dal maestro Angelo Biancamano, autore del brano d’obbligo del premio per concertisti che verrà interpretato live dai finalisti domenica pomeriggio all’Astra. Fuori concorso, segnali altrettanto positivi giungono dall’Accordion stage academy cui hanno partecipano sei Conservatori italiani che presenteranno le loro prime esecuzioni.

LE SERATE – La travolgente ironia di Dario Vergassola apre mercoledì 13 alle 21.30 gli appuntamenti serali con il riadattamento ad hoc dello spettacolo teatrale “La ballata delle acciughe” arrangiato dal pirotecnico Seneca quartet: Giovanni Seneca chitarre, Danilo Di Paolonicola organetto e fisarmonica, Francesco Savoretti percussioni, Gabriele Pesaresi contrabbasso. A contorno, la via delle bollicine di "Alici e Calici": degustazioni di pesce azzurro e vini spumantizzati in collaborazione con i "Pescatori" di Portorecanati e Marchigianamente.

Giovedì sera, in piazza della Repubblica, la cerimonia di premiazione della categoria World music e l’ethno world project del talentuoso Alessandro Gaudio. Venerdì ci si sposta all’Astra per l’esibizione dei vincitori della sezione jazz e il raffinato concerto del duo Marc Berthoumieux (fisarmonica) e Giovanni Mirabassi (pianoforte). Sabato, la chicca del Mastango, nel ricordo di Piazzolla con Massimiliano Pitocco (bandoneon) Dario Flammini (bandoneon) Antonio Scolletta (violino) Giovanni Ciaffarini (viola) Massimiliano Caporale (pianoforteo) Roberto della Vecchia (contrabbasso) Cecilia Herrera (voce) e i ballerini di Tango Rouge Company.

APERIPIF – Appuntamento alle 12.00 nell’Auditorium Binci di via Mordini nelle giornate di venerdì, sabato e domenica con ospiti da tre angoli della terra: dal Conservatorio di Pechino, gli allievi del maestro Cao Xiaoqing: Yue Zihann, Wang Jingyang, Cheng Yuhan e Mao Junhao; da Mosca, Vladimir Stupnikov, vincitore del Festival Accordéon-nous di Mons, dal Portogallo Josè Valente, vincitore del Pif 2016. A seguire, degustazioni di prodotti locali offerti da Amaranto’s, Poldo, Biologicamente, Fioretti Brera e Unikard.

PIF AROUND – Sabato alle 21.30 a Loreto (piazza Garibaldi o teatro comunale in caso di maltempo) Paglialunga, Anglano De Marco, pizzica e musiche salentine. Domenica alle 21.30 a Numana, piazza Nuova (o Chiesa San Giovanni Battista), Ispiracion trio Giuseppe di Falco, Alberto Mazzotti, Lorenzo Gabellini; Lunedì alle 21.30 a Recanati, cortile di Palazzo Venieri (o Auditorium del centro mondiale della poesia e della cultura), recital di musica e poesia con Giacomo Rotatori e Nicholas Tiranti. Martedì alle 21.30, Camerano, Giardini Mancinforte, Raffaele Damen (fisarmonica solo).



martedì 12-09-2017 , Lucia Flaùto