Ricette tipiche

Piccioni ripieni

Ingredienti per 4 persone:
- 2 piccioni per il ripieno
- 2oo gr. di carne macinata mista
- 1 salsiccia
- 1 uovo
- parmigiano q.b.
- pane grattugiato q.b.
- sale q.b.
- pepe q.b.  
Ripieno: In una terrina battere l’uovo ed aggiungere gli altri ingredienti facendoli amalgamare.
Dopo aver pulito, salato e pepato i piccioni, riempirli con l’impasto già preparato.
Cuocerli a fuoco lento in una casseruola, innaffiandoli con un bicchiere di vino bianco.

Vincisgrassi

Ingredienti per 4 persone:
Per il Sugo:
- 50 gr. di prosciutto
- 50 gr. di burro
- olio
- cipolla, aglio, sedano, carota
- rigaglie di pollo
- vino bianco
- passata di pomodoro
- sale
- pepe  
Far rosolare il prosciutto in una padella con olio e burro. Unire un trito di sedano, carota, aglio e cipolla. Fare appassire e poi aggiungere le rigaglie di pollo tagliate a dadini. Aggiungere del vino bianco e farlo evaporare. Quindi aggiungere la passata di pomodoro, aggiustare di sale e pepe. Lasciar cuocere a fuoco moderato per circa 2 ore.
Per la Pasta:
- 500 gr. di Farina
- 100 gr. di Semolino
- 50 gr. di Burro
- 4 uova
- sale
L’impasto deve essere ben lavorato e la sfoglia molto sottile. Tagliarla a striscioline larghe circa 10 cm e lunghe come la teglia. Lessarle un po’ alla volta e poi immergerle in acqua fredda. Asciugarle e riporle su uno strofinaccio.
Per la Besciamella:
- 50 gr. di Burro
- 40 gr. di Farina
- ½ litro di latte
- sale
- pepe
- noce moscata
Dopo aver preparato la besciamella, imburrare il fondo della teglia e versarci un po’ di sugo. Disporre il primo strato di pasta e coprirlo di sugo e parmigiano grattugiato. Aggiungere della besciamella, poi ancora sugo, pasta, parmigiano, besciamella....fino all’ultimo strato. Lasciar riposare il tutto per almeno 2 ore e poi infornare a 200° per 45 minuti.

La crescia sa le foje

Hu lettu ‘na ricetta de cucina
‘nt’un libbru fattu per la gente “fina”:
“Pizza ripiena con verdura mista”:
diceva ‘l titulu lì, in bella vista.
Donne! Nun fàteve venì le voje,
se tratta de “La crescia sa le foje”!
e mancu come quella de ‘na volta,
quest’è fatta pe’ fa’ venì la sciolta!
Vulete la ricetta castellana?
Ecchela qua, è quella più nustrana!
Bisogna ‘rtcoje l’erbe mistigate
Quelle dei campi, no le cultivate.
Cime de rape e grugni ben capati,
‘bbietule e spinaci ben ‘rlavati,
mesi a lessà drent’un gran caldaru
mentre sul focu se scalda ‘l panaru.
La pasta pe’ la crescia è preparata
S’insieme a la pulenta ch’è ‘vvanzata
Ce ‘mmischi ‘na manciata de farina
E ‘mpasti tuttu drentu ‘na terina.
Prepari, dopu, tante crsciulette
Tonne, spianate e un po’ finette
Che metti a ‘mbrustolì, sopra ‘l panaru
Mentre dal focu tiri giò ‘l caldaru:
scoli le foje e, propiu alla spiccia,
le fai ‘nsapurì sa ‘na salsiccia.
Mentre se coce ogni sal distruttu
La crescia ‘mbrustulita dappertutu.
Adessu è propiu pronta, gente mia,
nun resta che magnalla in allegria!
Ppieghi la crescia e ‘n mezzu ce se mette
Le foje cotte, tenèndule ben strette.
E quannu magni nun te poi scurdà
Cui tempi brutti de tant’anni fa,
quannu la crescia era ‘l pa’ d’un giornu,
perchè nun c’era un soldu pe’ ‘nda’ ‘l fornu!

- Paolo Bugiolacchi -